logo

Sistema fiscale dominicano

Dominicana Investimenti

Investire in Repubblica Dominicana, informazioni economiche e servizi legali, fiscali e contabili rivolte alle imprese

Sistema fiscale dominicano

Il sistema fiscale dominicano è uno dei fattori di massimo impatto sul dinamismo che sta vivendo l'economia del paese anche grazie agli investimenti stranieri

Quasi un paradiso

Il sistema fiscale dominicano è tale per cui la Repubblica Dominicana è, sotto molti aspetti, considerato un paradiso fiscale. Tra i fattori maggiormente attrattivi per gli investimenti c'è appunto una fiscalità agevolata e, cosa non secondaria, una per ora ancora bassa collaborazione di informazione bancaria a livello internazionale.

Il sistema fiscale dominicano risponde ad una legge del 1992. Vogliamo farvi una panoramica la più esaustiva possibile anche se, per informazioni più dettagliate vi consigliamo di rivolgervi direttamente a noi e al nostro servizio di consulenza fiscale. Ma partiamo considerando le più importanti tipologie di imposte. Le imposte principali previste dal sistema fiscale dominicano sono:

  • imposta sulle persone fisiche
  • imposta sulle persone giuridiche
  • IVA o ITBIS (Impuesto sobre Transferencias de Bienes Industrializados y Servicios)
  • imposta sulle successioni e donazioni
  • imposta selettiva su consumo
  • imposta sull'attivo
  • Imposta sulle persone fisiche

    Sono sottoposti a tassazione tutti i redditi da lavoro, da capitale o da investimenti immobiliari. Il sistema fiscale dominicano prevede delle esenzioni per le pensioni e per i redditi inferiori ad un certo importo che si aggira, in linea di massima, attorno ai 370 pesos. Gli imprenditori hanno la possibilità di scegliere due regimi fiscali semplificati:

  • sul totale delle vendite
  • sui ricavi
  • Il sistema che si basa sul totale delle vendite stabilisce che c'è una base tassabile che è fornita appunto da una percentuale fissa sul totale delle vendite. Ma su cosa è stabilito il totale delle vendite? Da una sorta di intermediazione fatta sulla base dell'attività svolta. È questa l'opzione fiscale scelta in genere da chi, persona fisica o giuridica, ha un fatturato inferiore ai 30 milioni di DOP (Peso Dominicano).

    Il sistema sui ricavi stabilisce invece che l'imponibile è calcolato sul 60% del totale dei ricavi. La cosa importante da sapere è che questa opzione è limitata alle persone fisiche e a quei professionisti che hanno ricavi inferiori ai 6,8 milioni di Dop. In ogni caso l'imposta sulle persone fisiche è a scaglioni che portano le aliquote da un minimo del 15% ad un massimo del 25%. I redditi dei non residenti hanno l'aliquota ordinaria del 25%.

    Imposta per le persone giuridiche

    In questo caso è considerato imponibile il reddito al netto delle spese. Per queste imposte il sistema fiscale dominicano prevede un'aliquota del 25%. Ma è prevista un'alternativa per tutte quelle imprese che, per la loro tipologia non hanno una quantità precisa di reddito. Per alcune di loro, ad esempio, l'imponibile viene stabilito sul 10% dei ricavi lordi. Oltre a ciò se si verificano delle perdite di esercizio esse possono venire messe a compensazione per il 20% nel quinquennio successivo.

    ITBIS (IVA dominicana)

    Nella Repubblica Dominicana si chiama ITBIS, cioè Imposta sulle Transazioni di Beni Industriali e Servizi. Ci sono beni, considerati di prima necessità, che ne sono esenti come i servizi educativi o medici. Sempre legata ai consumi, in un certo senso, c'è quella che appunto viene chiamata Imposta selettiva sul consumo. Tale imposta è prevista su alcuni tipi di prodotti come i tabacchi, le assicurazioni o le bevande alcoliche.

    Su trasferimenti per morte o donazioni l'aliquota è del 3%. Per quanto riguarda l'imposta sull'attivo, riguardante sia le persone fisiche sia le persone giuridiche, essa è scontata con un 1% sul totale dell'attivo. Ma tale attivo è al netto degli ammortamenti e delle svalutazioni.

    Per ogni approfondimento non esitate a contattarci per usufruire del nostro servizio di consulenza fiscale.